Progettazione di edifici ecologici seguendo i principi della bioarchitettura.

Metodo antico di costruzione, veramente Ecologico

La questione ambientale è divenuta negli ultimi anni sempre più presente all’interno dei nostri discorsi e sempre più oggetto di attenzione e di preoccupazione anche e soprattutto nel mondo dell’architettura. L’armonia con l’ambiente ed il benessere psico-fisico delle persone sono i due valori che sostengono il significato di “edificio ecologico”.

Possiamo identificare i punti chiave dell’edilizia ecologica:

  • Utilizza per quanto possibile risorse e materiali rinnovabili;
  • È attenta alla salute dell’uomo che in essa deve abitare e lavorare;
  • Sa valutare attentamente i fabbisogni abitativi per ridurre al massimo l’uso del territorio e l’alterazione del paesaggio;
  • Favorisce l’efficienza energetica di un edificio, anche mediante l’utilizzo di energie rinnovabili;
  • È in grado di inserirsi in un contesto bioclimatico utilizzandolo in modo corretto ed efficace;
  • È orientata ad un corretto recupero del patrimonio edilizio esistente, che sappia valorizzare elementi e materiali tradizionali soprattutto quando essi manifestano caratteri che possono considerarsi bioecologici, realizzati a basso consumo di energia;
  • È in grado di favorire il riciclaggio dei propri componenti, come è sempre stato nell’edilizia del passato;
  • Utilizza risorse e materiali locali ed esclude quelli di difficile scomponibilità;
  • È costituita da materiali e componenti di lunga durata d’uso, compatibili fra loro e di facile manutenzione;
  • Esprime la capacità sociale del costruire finalizzata al benessere della comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *